Tel. +39016353083 - +39016351270 - Cell. 3488091800
Via Don Maio 15/17
13019 Varallo (VC)
Feriali 9,00-12,30 - 14,30-18,30
Sabato 9,00 - 12,30
I tuoi risultati di ricerca

Quali piante domestiche sono tossiche o velenose per Cani e Gatti?

Aconitum

Aconitum

In caso di presenza di un animale domestico è importante essere consapevoli prima di acquistare una qualsiasi pianta: alcune infatti potrebbero essere tossiche per loro. A volte una piccola distrazione può essere molto dannosa per la salute dei nostri piccoli amici. Ecco allora un elenco delle più diffuse piante da giardino e d’appartamento che possono avere effetti tossici o irritanti su cani e gatti: conoscerle è importante per prevenire brutti incidenti ai danni dei nostri pelosi preferiti.

Per una convivenza tranquilla tra animali e piante conviene valutare tutti i fattori di rischio. Non basta allontanare dal raggio d’azione dell’animale la pianta incriminata: per il gatto nessun posto è irraggiungibile (lo sapete bene!), e per un cane agitato vale la stessa cosa.

Tipicamente, sono i cuccioli ad essere molto curiosi e a mettere in bocca tutto; ma anche l’animale adulto più tranquillo, che normalmente non si avvicina alle piante, può avere momenti di agitazione e nervosismo e iniziare ad avere comportamenti insoliti, come rosicchiare o strappare foglie di piante d’appartamento, o scavare in giardino per sradicare bulbi da terra.

Molti animali inoltre, soprattutto i cani, tendono a diventare irrequieti se lasciati soli o confinati in ambienti chiusi o troppo limitati per ore; si sfogano quindi masticando qualsiasi cosa capiti loro a tiro. La soluzione migliore è quella di evitare drasticamente tutte le piante pericolose per il nostro peloso. Se nonostante tutte le precauzioni, avete il sospetto che abbia ingerito o toccato una pianta tossica, non inventate manovre di soccorso fai da te, sta esclusivamente al veterinario di fiducia valutare il da farsi. L’unica mossa sicura è recarsi il più velocemente possibile allo studio veterinario.

Stella di Natale

Stella di Natale

Le piante da evitareAmarillideAmarillide

Conosciamo quindi le principali piante da evitare, iniziando da quelle pericolose per la loro forma o il loro aspetto: tutte le piante spinose – quasi tutte le Cactacee – o con foglie lanceolate, rigide e appuntite, come ad esempio la yucca: le sue foglie possono danneggiare gli occhi del nostro cane o gatto, se correndo la urtano con il muso.

Molte piante tipiche del periodo natalizio sono purtroppo pericolose per i quattro zampe. 

Cycas-revoluta

Cycas-revoluta

Tra queste, la Stella di Natale o Poinsettia: il suo lattice è irritante per le mucose e per gli occhi. Recenti studi stanno però rivalutando la pericolosità di questa pianta, che sembra non essere così letale come si pensa. Nel frattempo, meglio tenere lontani i nostri amici pelosi. Attenzione anche alle corone di agrifoglio (Ilex): le sue bacche sono bellissime, ma contengono sostanze pericolose per l’apparato digerente.

Rischiosissimo anche il vischio (Viscum album): l’ingestione delle bacche può provocare svariati danni, anche seri, all’animale, tra cui scoordinamento nei movimenti, dolori addominali, vomito, diarrea; può essere letale. 

Tra le piante tropicali più diffuse in casa si nascondono pericoli per i pelosi: sono tra queste il filodentro (Monstera deliciosa), pericoloso per i reni dei gatti, e la Cycas revoluta, di cui tutte le parti sono velenose, specialmente i semi. Attenzione ai bulbi, molti contengono sostanze tossiche o irritanti per i pelosi di casa. Tra tutti, l’amarillide,  

il ciclamino, il giacinto, il gladiolo, l’iris, il tulipano. Ma anche aglio e cipolla, i narcisi e i Colchicum (i crochi autunnali). Se avete l’abitudine di conservare in casa i bulbi a piantagione annuale, teneteli dentro ad un sacchetto di carta ben chiuso e lontano dalla portata degli animali.

Tra le piante da giardino più diffuse hanno effetti tossici gli oleandri (Nerium oleander), i mughetti (Convallaria majalis), i gigli (Lilium), l’aconito (Aconitum) e il rododendro (Rhododendron); l’edera (Hedera), i boccioli di ortensia (Hydrangea) e il glicine (Wisteria). Attenzione alle siepi di tasso (Taxus baccata). 

Digitalis

Digitalis

Particolarmente insidiosa la digitale (Digitalis è tossica tutta la pianta e anche l’acqua che entra in contatto con la pianta. Meglio rinunciare quindi a inserirla nelle bordure all’inglese, se abbiamo a cuore la salute del nostro amico peloso!

  • Ricerca proprietà

    € 0 a € 1 .500 .000

    Altre opzioni di ricerca

Confronta gli elenchi